Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2020

Incontri

Immagine
Ero seduta tranquilla in un bar del centro di Berlino ancora stanca della notte corta.
Stavo bevendo il mio caffelatte quando entra questa donna alta, bella, imponente. Era bionda, un colore quasi argento, un biondo brillante che risaltava sopra il suo cappotto nero.
I suoi occhi erano di ghiaccio, osservavano il nulla e si guardava in giro come se non ci fosse nessuno.
Portava un cappellino grigio e nero, era poco truccata, sicuramente aveva più anni di quelli che dimostrava.
Si siede al lato di una coppietta molto giovane, seduti uno in fronte all’altra.
Guarda il menu, si toglie la giacca e il cappellino, riprende il menu. Si avvicina il cameriere.
Non sento ciò che ordina, mi rigiro, noto che ha incontrato il mio sguardo. Abbassa il suo e rapidamente prende la borsa in mano. Cerca qualcosa.
Prendo in mano il mio telefonino per fare qualcosa, ma la strana signora era più interessante.
Bevo il mio caffè. Squilla il suo telefono. Parla russo.
Mi sarebbe piaciuto parlare russo, sapevo dire…

Patria

Immagine
Sono schiava Del mio essere zingaro Della mia voglia di cercare e trovare Della mia essenza viaggiatrice Della mia anima cosmopolita
Potrei essere in tutti i posti Non posso.
Voglio essere al suo fianco, è tardi? Voglio rispondere a tutte le domande Non posso Perché mi manca la sorella che c’è in lei Mi manca l’anima che non ho Mi mancano i figli che non potrò mai avere
Un vuoto nell’anima Anima senza patria Patria senza anima
Viaggio, torno, e non so Se quel viaggio finirà.
Mi manchi.

Tempo

Immagine
Vividi ricordi nella notte pallida. Il tempo passa senza sosta. Mi spaventa.
La notte si fa giorno in un sospiro, la mano si allontana poco a poco.
Il tramonto ritorna.
Il sole si fa freddo la luna mi riscalda. Il mare è tornato tranquillo.
E la mia anima vaga nell’aria calda cercando qualcosa che mai troverà.