Post

Patria

Immagine
Sono schiava Del mio essere zingaro Della mia voglia di cercare e trovare Della mia essenza viaggiatrice Della mia anima cosmopolita
Potrei essere in tutti i posti Non posso.
Voglio essere al suo fianco, è tardi? Voglio rispondere a tutte le domande Non posso Perché mi manca la sorella che c’è in lei Mi manca l’anima che non ho Mi mancano i figli che non potrò mai avere
Un vuoto nell’anima Anima senza patria Patria senza anima
Viaggio, torno, e non so Se quel viaggio finirà.
Mi manchi.

Tempo

Immagine
Vividi ricordi nella notte pallida. Il tempo passa senza sosta. Mi spaventa.
La notte si fa giorno in un sospiro, la mano si allontana poco a poco.
Il tramonto ritorna.
Il sole si fa freddo la luna mi riscalda. Il mare è tornato tranquillo.
E la mia anima vaga nell’aria calda cercando qualcosa che mai troverà.

Ti voglio qui (del EP "Your Love Song")

Immagine
Ti voglio qui vicino a me Sempre al mio fianco nella vita Accanto a me
Vivevo sola sai ormai, la mia vita sai Adesso so cosa significa felicità
Voglio che il mondo sappia già Ciò che tu significhi per me Tutto ciò che sento io per te Che la mia vita sei tu
Ti voglio qui vicino a me Non posso vivere pensando di star senza te
E quando sono giù Stanca e abbattuta, tu Sai cosa dirmi per far che la vita mi sorriderà

Ho scritto questa canzone 10 anni fa per Matthias in tedesco, e il 31 di gennaio la pubblichiamo in 4 lingue, italiano, spagnolo, inglese e tedesco in tutte le piattaforme digitali.
Qui potrai vedere il video www.youtube.com/elenaleyartist

Il tuo mondo

Immagine
Piccolo o grande che sia il tuo mondo sempre sarà per me qualcosa di speciale, semplicemente perché è il tuo.
E se il mio mondo fosse il tuo, collegato con un filo di cotone fine fine, che unisce, ogni giorno, ogni notte, ci sarebbe qualcosa di male?
A volte penso che aprirmi al mondo, al tuo mondo, mi possa far male, possa ferirmi un giorno di questi.
Più entro nel tuo mondo e più mi affetta l’aria e l’atmosfera che condividiamo. Se mi affetta così tanto, mi farai soffrire un giorno? Anche se non tu volessi?
Che malattia è? Non guarisco… Che dipendenza è? Non posso smettere…
E ti guardo mentre dormi come per immaginarmi come sarebbe se non ti svegliassi mai più. Mi prende il freddo, mi si gela il cuore.

Poesia del vento

Immagine
Se il vento
mi portasse via
lontano
su una montagna solitaria,
senza lo sforzo di camminare,
semplicemente
come l'aria si muove,
come su una onda spumeggiante,
come un carro senza freno,
volando,
felice,
senza etá
senza tempo
senza pensieri
senza dolori
senza rimpianti
senza lacrime...

Sarei ciò che sono?
Darei ciò che dono?
Avrei ciò che posseggo?

Apro gli occhi e vedo
più in là del mondo chiaro,
ombre della notte,
macchie nella nebbia,
e il tunnel è ancora lungo...

Fammi tornare nel suo grembo
per rinascere ancora
e poter rivivere la speranza
di una realtà diversa.





La colazione: sapore di casa

Immagine
Abbraccio l’aria del mare aprendo la finestra e sento un brivido di freddo attraversare il mio viso.
Il sole è pallido oggi, il cuore è caldo, le mani gelide si accarezzano in un impeto invernale.
Richiudo la finestra, sento miagolare la mia gattina, mi giro e la vedo osservarmi sopra lo sgabello di legno.
Mi muovo verso la porta, mi segue facendo felice ogni mio passo, ricordandomi cosa significa il calore di qualcuno che mi aspetta.
Entro nell’altra stanza, l’altro gatto mi saluta e mi accarezza le gambe col suo corpo morbido, il cane scodinzola aspettando la colazione, un bacio mi accarezza di sorpresa e una tazza di tè caldo mi aspetta sopra il tavolo.
Un altro giorno comincia con amore, allegria e vita. Sono a casa, il mio cuore è a casa.

Osservando il mare

Immagine
Guardo il mare quell’orizzonte infinito che da anni mi accompagna.
Che pensiero malinconico sapere che più in là di quella linea ci sono cari che pensano a me.
Seduta tranquilla osservo le acque, le onde spumeggianti, i colori forti e vivi, che cambiano secondo il movimento della luce del sole, che si sta spegnendo piano piano in questa giornata di inverno.
Ritorno sui miei passi, per il cammino di casa, sapendo che l’anno sta per terminare, e che uno nuovo già mi rincorre.
La pace interna è il mio nido, un bene che non voglio donare, solo condividere con chi non me la può rubare.
Buon anno…